Filippo Chiesa è ormai un amico, ma forse non è un biglietto da visita sufficiente. DI professione è videomaker, uno di quelli bravi, uno di quelli che le cose ama farle, e bene. Che lavora da anni nel mondo della produzione di spot pubblicitari, ma che da oltre un anno ha sposato la tecnologia delle reflex digitali per realizzare questi lavori. La sua esperienza è eccezionalmente utile ed importante perché non è – come capita a molti – un utente di questi apparecchi perché si trovano tra le mani una funzionalità nuova (quella video) in una macchina fotografica. Filippo, le videocamere broadcast le ha, ma le ha chiuse in un armadio: usa, ormai quasi in ogni situazione, una Canon 5D MarkII e da poco anche una Canon 7D.

Con lui abbiamo fatto il nostro JumperCamp del 28 gennaio, che è stato seguitissimo da tantissimi professionisti, in uno studio fotografico attrezzatissimo e con la collaborazione di Canon, Nikon, Adcom, Cinevate (azienda canadese che ci ha inviato diversi accessori interessanti)… aziende che hanno contribuito portando e mettendo a disposizione attrezzature, e non per farsi “pubblicità”. Se volete dare un’occhiata agli scatti realizzati durante il JumperCamp da un altro amico, Giovanni Antico (Gantico), ecco un link, così potete vedere quello che abbiamo “combinato” di buono. Con Filippo Chiesa stiamo organizzando un sacco di iniziative: nuovi camp, nuove idee e nuovi progetti, perché Jumper è ormai (ne siamo orgogliosi) il punto di riferimento in Italia di questa “rivoluzione” (chiamata V-SLR, ovvero Video SLR, oppure come dicono altri HD-SLR, quindi SLR in grado di realizzare video HD). Una delle iniziative già sviluppate con Filippo, proprio in occasione del nostro JumperCamp, è stato un test “sul campo” della nuovissima Canon EOS 1D Mark IV, in una notte in cui – quasi come se fosse stata richiesta dalla sceneggiatura –  è caduta nella sua Parma la neve. La troupe è andata in giro, per realizzare un test adeguato, e hanno incontrato Elvis… un ragazzo simpatico, tutto da scoprire.

Le riprese che potete godervi nel video che vi pubblichiamo in questo post, sono state effettuate con sensibilità compresa tra 400 e 1600 Iso, ottiche Canon e Nikon (già… su corpo Canon… ne abbiamo parlato parecchio al Camp!). Il tutto realizzato in una notte, montata il giorno dopo da Pietro Bianchi e poi di corsa al nostro workshop. Qui sotto, potete guardarvi anche il “dietro le quinte”, che vi permetterà di capire qualcosa di più, anche dell’uso di un carrello Cinevate per effettuare alcuni movimenti di macchina (argomento davvero importante).

Seguiteci, questa è solo una puntata delle tante cose che abbiamo in serbo. Il video, nella fotografia e per fotografi che vogliono guardare oltre, passa da qui, da Jumper. Anche (e molto) grazie a Filippo Chiesa. Un (grande) amico di noi tutti!