Comunicare a distanza: un JumperCamp per fotografi che guardano lontano

Comunicare distanza corso JumperCamp fotografi professionisti videochat, streaming

Nicole Geri

 

Nello Stato di New York, a causa dell’emergenza Corona Virus, è stato decretato che i matrimoni celebrati a distanza, usando strumenti come Skype o Zoom, avranno valore legale. Questo è solo un segno di quanto la nostra società è stata attraversata da una ondata di cambiamento culturale e tecnologico che avrà un peso e conseguenze che andranno ben oltre alla situazione contingente. Non si tornerà mai più indietro, semmai si andrà avanti, anche quando il tanto desiderato ed auspicato “ritorno alla normalità” sarà possibile.

Oggi tutti, non solo i “giovani”, hanno imparato ad usare gli strumenti di comunicazione e di interazione digitale, connettersi ed interagire con parenti e amici, con colleghi e con clienti, usando una webcam o un computer o uno smartphone, ma questo non significa che questo sia ancora facile. In tutto questo, un professionista dell’immagine, quello che finora ha gestito la creazione di immagini (foto o video) per le occasioni speciali, come un matrimonio, oppure anche “quotidiane” come una convention/evento, che ruolo ha oggi e avrà nel futuro, quando comunque questo tipo di procedura diventerà un’abitudine?

Secondo noi, il ruolo del professionista è e sarà sempre importante. Se notiamo bene, la qualità delle “immagini”, specialmente delle videochat, ci ha fatto tornare indietro agli albori del digitale, o forse ancor peggio. Le persone si “vedono” e si riconoscono a malapena, per una serie di limitazioni tecniche, ma ancor di più per una mancanza di coscienza e conoscenza. Ci si adatta, nell’urgenza, ma già adesso c’è una percezione molto negativa del risultato, per qualità e funzionalità.

Un professionista che sa come gestire, risolvere e ottimizzare la ripresa e l’erogazione di questi contenuti, può senza alcun dubbio essere considerato “utile” per moltissimi clienti, siano questi aziende o privati.

E’ un lavoro nuovo, ma in realtà è una evoluzione naturale e anche affascinante da tanti punti di vista: si torna ad essere “utili” (a volte, si ha la sensazione che i professionisti “non servano più”: non è così, ma l’improvvisazione e la qualità degli strumenti in mano a tutti lo rende semplice da pensare, da parte della massa), ma si possono anche creare forme di creatività molto interessanti e originali.

Il problema è che i professionisti, della fotografia e dell’immagine, non necessariamente sanno davvero dominare questi strumenti, e vi possiamo assicurare che non è nemmeno semplice (per niente). Ottenere immagini cristalline, gestire con efficienza eventi online (registrati oppure in streaming da fruire all’interno di una connessione privata oppure pubblica sulle piattaforme social) richiede ben più di quello che in molti pensano, ovvero una connessione veloce e di qualità: servono sistemi di ripresa specifici, o quantomeno ottimizzati nel loro utilizzo, software di regia per poter gestire per esempio multicamere, oppure diverse scene (immagini, slide, video da unire alla conversazione), effetti speciali, transizioni: di fatto, si entra nel mondo della “televisione” e della regia, dove il fotografo o videomaker è chiamato a preparare e a dirigere una orchestra, più che “impugnare un apparecchio”. E’ arrivato il momento di imparare, e diventare protagonisti di una parte di questa professione che è e sarà sempre più importante (e remunerativa), oltre ad essere, in questo specifico momento, l’unico modo per creare contenuti visuali in era di lockdown, che ha portato senza dubbio ad una contrazione (a volte, purtroppo, azzeramento) del fatturato per molti.

Un Jumper Camp per creare contenuti visuali e multimediali da fruire a distanza

Per tutto questo, abbiamo progettato e stiamo completando un JumperCamp (ovviamente a distanza) che riassume un lavoro molto profondo di ricerca, sperimentazione, verifica di tutti questi strumenti e soluzioni, per proporvi conoscenza e metodologia pratica e operativa sulla comunicazione a distanza, per mettervi in mano un’occasione da applicare subito dal punto di vista professionale. Partono oggi le prenotazioni di questo corso che verrà rilasciato come video da scaricare – quindi che sarà sempre disponibile per voi, oggi e nel futuro – e tratterà i seguenti argomenti:

JUMPER CAMP: COMUNICAZIONE A DISTANZA, SINTESI DEGLI ARGOMENTI DEL CORSO

Strategia e opportunità

  • Perché occuparsi di ottimizzare la qualità delle riprese video in chat
  • Un nuovo mestiere – consulenza per aziende
  • Un nuovo modo di fare corsi
  • Il computer (schermo grande) torna di moda…
  • Quando usare, invece, uno smartphone per gestire tutto
  • Idee creative e ispirazioni
  • Dalla monocamera alla multicamera

Ripresa video

  • La qualità delle webcam e alcuni modelli cool (come scegliere?)
  • Come usare Webcam “alternative”: considerazioni, esempi reali, consigli
  • Luce, perché senza luce non c’è qualità (lo sappiamo bene!)
  • Microfoni (l’audio è importante quanto l’immagine…)
  • Connessioni (tanti oggetti che si devono integrare)

I software di videomeeting

  • Come creare contenuti di altissima qualità e con complesse regie per eventi, lezioni, riunioni (etc. etc.) offline
  • Piattaforme di videochat: vantaggi e svantaggi (e consigli)
  • Dirette in streaming usando un unico canale (dal video al mondo, anche in diretta)
  • Dirette in streaming usando canali multipli (perché tre è meglio di due, che è meglio di 1)

A chi serve questo Jumper Camp?

  • A fotografi professionisti e videomaker che vogliono proporre un nuovo servizio di creazione di contenuti visuali per eventi, aziende, privati
  • A chi vuole creare e vendere corsi e contenuti formativi online di alta qualità, per distinguersi dalla massa dei “dilettanti”
  • A professionisti che creano eventi e che oggi sono chiamati a progettare nuove forme di iniziative, gestite a distanza
  • Ad aziende che desiderano implementare competenze interne sulla gestione di attività remote con i propri team in smartworking e meeting con clienti.

Costi e modalità di erogazione

Il corso che avrà la durata di diverse ore, sarà diviso in capitoli (diversi video) per una migliore fruizione da parte degli utenti. I video saranno scaricabili ad alta qualità (Full HD) e potranno essere fruiti su qualsiasi computer, smartphone o tablet, ora e sempre.

Il corso verrà inviato a tutti entro il 5 maggio 2020, con link per poter scaricarlo.

Il costo del corso è stato fortemente ridotto rispetto ai normali costi di un Jumper Camp “Solo video” (di solito i Jumper Camp hanno opzione “LIVE”, quindi dal vivo e “Solo video”, in questo caso, per ovvie ragioni, sarà “solo a distanza”), per renderlo accessibile davvero a tutti: in questo momento è necessario essere tutti sensibili per aiutarci a vicenda: è un momento difficile, forse il più difficile che abbiamo vissuto da tantissimi anni, e noi di Jumper siamo al fianco, come facciamo da sempre, dei professionisti dell’immagine dando il massimo supporto e con sensibilità, perché siamo una famiglia, un gruppo di amici e siamo qui per aiutarci tutti.

Stai a casa ma lavora

Il corso, scaricabile immediatamente, i video possono essere scaricati per vostra comodità di fruizione e potrete conservarli per sempre,  è di 99 euro + iva. Qui sotto il bottone per il pagamento via PayPal o via carta di credito. Se volete pagare con un bonifico, invece, scriveteci una mail a camp@jumper.it

 

 


COMUNICARE A DISTANZA