Un’occasione da mangiare con gli occhi (e non solo!)

Volete entrare, rafforzarvi, specializzarvi… e specialmente guadagnare di più grazie alla Food Photography? Beh, se pensate che questo è un banale corso di quelli da dilettanti che si trovano in giro… vi state proprio sbagliando, perché non saremmo noi di Jumper a proporlo. Si tratta del primo (unico) corso nato per chi non si accontenta, che vuole aggredire un mercato che cresce sempre di più, ma che rischia di svilupparsi e crescere distante dalla nostra sfera di azione.

Cosa serve, secondo noi, per essere protagonisti e per essere considerati partner importanti nel settore del food? Tre aspetti:

1) Tecnico: fotografare food è dannatamente difficile. Certo, molti di voi avranno esperienza in questo campo, ma se non siete fortemente specializzati in questa materia, potrete fare una full immersion per ottimizzare il vostro flusso di lavoro, ma anche la qualità del prodotto che offrite. Per fare questo, abbiamo chiesto ad un amico fotografo specializzato da sempre nell’area più difficile del food – il packaging – di aiutarci ad approfondire questi aspetti. Ci sono un sacco di corsi di specializzazione sulla fotografia di matrimonio (un settore, è vero, difficile, ma anche sovraffollato: forse è il caso di guardare anche oltre), ma mancava un’occasione di aggiornamento professionale e tecnico in questo campo. Ora non più…

2) Strategico: La fotografia di food è sempre più usata in campi che fino a poco tempo fa veniva considerato di “serie B”, ovvero i social. Oggi ristoranti, hotel locali, chef, ma anche e soprattutto aziende che usano questo “argomento” per attrarre un vasto pubblico. Non so se lo sapete (lo sapete…) ma moltissimi eventi aziendali hanno come tema il food, e serve una specializzazione per proporsi in questo campo. Non basta fare “belle foto”, però: serve conoscere le strategie di uso dei social, nel profondo, capire quali sono quelle che funzionano meglio, guardare ai casi di successo, non solo dall’esterno: smontarli, rielaborarli, riflettere e imparare quello che davvero conta. Una parte rilevante di questo nostro corso analizzerà questi aspetti: non dovete pensare di “accontentarvi” di essere eccellenti fotografi, magari (probabilmente lo siete già!), ma dovete proporvi come esperti di una comunicazione che PARTE dalla fotografia di food e va ben oltre. Consulenti di comunicazione digitale, social, culturale, non realizzatori di scatti.

3) Contemporaneo: la fotografia di food – vista proprio al suo successo e alla sua crescita esponenziale, muta rapidamente. Forse siamo abituati a viverla come “una volta”; spesso pensiamo magari ad alcune interpretazioni (tecniche, creative, di “mood”) che sembrano moderne ma forse sono già datate. Quello che vogliamo offrirvi, in questa giornata, è una visione quanto più “contemporanea”, che fa riferimento a punti di osservazione dove oggi l’innovazione è più forte e dove gli stili emergenti… emergono. Una guida al gusto, all’estetica, persino alla funzionalità. Un’occasione unica per essere “sul pezzo” e per vendere il vostro essere “contemporanei”, per proporvi al di sopra della media.

Questo corso – il secondo della nostra attività “parallela” ai JumperCamp, quella che abbiamo siglato con il nome di “Triplo”, che unisce pratica, tecnica, strategia e linguaggio, è dedicato principalmente ai fotografi, ma anche chi si occupa di comunicazione sui social, a chi lavora in ambito editoriale o grafico. Si terrà l’8 novembre 2017 a Milano presso Spazio Vela 18, dalle 10 alle 17. La giornata di formazione può essere vissuta Live oppure potete richiedere il video, e se prenotate entro il 30/10 c’è un forte sconto, quindi vi consigliamo di farlo, sia per avere la garanzia di trovare posto, sia per spendere davvero meno!

Early Birds
149 Euro + Iva – LIVE (video compreso)
99 euro + Iva – SOLO VIDEO


FoodPhotography