Pagina introduttiva msnbc - migliori foto 2008

Come ogni fine dicembre, spopolano le raccolte di fotografie che “raccontano” l’anno che si sta concludendo. E’ l’occasione per sfogliare ricordi ed emozioni, per sorridere per le belle notizie e per ritrovare il dolore dei momenti più drammatici. Ed è anche l’occasione per ricordare quanto il valore della fotografia sia importante per sintetizzare i fatti e la storia.

Quest’anno (secondo noi), la più bella raccolta di immagini del 2008 le ho trovate qui. Sono suddivise nella categoria News e Sport, e sono uno spettacolo che davvero è da godere in tranquillità, con la mente libera dalle corse della giornata, dagli appuntamenti, dal cellulare che suona… anche perché la sonorità che dovete ascoltare è quello che arriva dalla gallery: non solo foto, ma musica, spezzoni di audio che riprende frasi, interviste, commenti. E’ la nuova frontiera di cui abbiamo parlato spesso: la fotografia, in tutta la sua forza espressiva, ma rafforzata (e non soffocata) da animazioni, da temporizzazione studiata nei tempi, da elementi multimediali: è quello che vuole il pubblico, è quello che giustifica l’uso dei nuovi media e dei nuovi strumenti di fruizione, ed è quello che vogliamo anche noi tutti. 

Guardate questi due spettacoli, dedicati alle notizie e allo sport, e allargate il cuore, credo che sentirete tutti, come le abbiamo sentite noi, le emozioni che prendono il sopravvento. Come tutti, il 2008 è stato un anno importante, ma il suo passare veloce, impietoso, ci porta a dimenticare, a metterci alle spalle tante cose che invece dovrebbero farci riflettere. La sequenza proposta da Msnbc li riprende tutti (o quasi…) e lascia senza parole.  Ma… noi le parole, tra di noi, dobbiamo trovarle.

Non siamo fruitori di immagine, o almeno… non solo. Siamo creatori di immagine, e un viaggio a ritroso in quest’anno dobbiamo farlo. Non nella cronologia di quello che è successo nel nostro settore, che pur è interessante (nuove macchine fotografiche, nuovi software, nuovi computer, nuove idee, nuove soluzioni), ma in noi. Il mio caro amico Lenny diceva sempre che, quando si va a dormire, l’ultima cosa da fare prima di addormentarsi è guardare il soffitto della camera da letto e pensare a quello che abbiamo fatto quel giorno, e se almeno una cosa ci ha fatto crescere, ci ha fatto essere “una persona migliore”, vuol dire che quella giornata è stata una giornata positiva. Non ci riesco quasi mai, quando mi butto sul letto non ho la forza. Ma, almeno una volta all’anno è necessario farlo, per pensare all’anno che è passato.

I software che organizzano le nostre foto (Lightroom, Aperture, iPhoto…) aiutano in questa analisi: ci permettono di scorrere tutte le foto di un anno, e viaggiare su quello che è stato il nostro lavoro. Non è un bilancio di tipo fiscale…. non è la valutazione di quanto abbiamo fatturato e guadagnato. Si tratta di quello che abbiamo prodotto con la nostra professionalità, ma ancor di più con la nostra creatività, la nostra fantasia, la nostra voglia o necessità di comunicare. Il mestiere, spesso, ci distacca da questa analisi: produciamo quello che ci viene chiesto, correttamente dal punto di vista compositivo e tecnico, ma non andiamo oltre. Manovali, artigiani, industriali… e meno creativi, artisti, comunicatori. Oggi, almeno oggi, facciamo un viaggio a ritroso, cerchiamo tra le immagini scattate nel 2008, le tracce di quello che volevamo essere, di quello che vogliamo essere. Il mestiere di fotografi non si può ridurre a mera applicazione tecnica. Le foto di Msnbc sono scattate da professionisti, tra i migliori al mondo della loro categoria, erano “sul posto” perché pagati da agenzie o da riviste importanti. Ma in questo essere professionisti, in questo lavorare su “committenza” hanno aggiunto un valore emotivo, personale fatto di narrazione, di poesia, di sensibilità. Elementi che fanno parte della nostra cultura, del nostro essere “creativi”, ma che talvolta, per stanchezza o per mancanza di entusiasmo (la vita è difficile…) lasciamo da parte.

La proposta di questo ultimo Sunday Jumper dell’anno è quello di riguardare le nostre immagini del 2008, di trovare una – almeno una – fotografia che ci permette di raccontare quello che siamo dentro, quello che vorremmo essere. Quella che dice che siamo fotografi, e non produttori di immagini. Mandatecela, se lo vorrete. Potremmo raccontare una storia come quella di Msnbc, senza la pretesa di raccontare nient’altro che la voglia di ritrovare la passione e la voglia di credere nella fotografia per quello che è: arte, strumento di dialogo, momento di incontro, sintesi di emozioni che è troppo complesso descrivere a parole. Se arriveranno (chissà… ogni tanto vi provochiamo, ma non siamo abituati in Italia a rispondere a queste sollecitazioni), le raccoglieremo in una galleria. Se non arriverà nulla, forse sarà un segnale altrettanto importante… ovvero che forse non siamo pronti a scavare dentro di noi, che non siamo abituati a condividere con gli altri la nostra sensibilità, che siamo stati fagocitati in un loop che porta a produrre fotografie per vivere (sopravvivere), e basta… il resto, lo abbiamo perso.

Ci teniamo, ci speriamo. Noi, durante queste vacanze, lavoreremo anche su questo progetto. E su tanti altri, perché vogliamo credere che non ci può essere solo mestiere, che quello che “vogliamo essere” deve partire da noi, e non arrivarci sotto forma di “miracolo dal cielo”.  Per noi, il 2008 è stato un anno importante, di svolta, di ricostruzione, abbiamo trovato e riscoperto. E abbiamo capito quello che vogliamo essere “da grandi”. In questa nostra ricerca, speriamo di avere accanto tutti voi, abbiamo bisogno gli uni degli altri, dobbiamo avere tutti la sicurezza di avere il supporto di una forza comune, sulla quale appoggiarci quando siamo deboli, e da garantire quando gli altri avranno bisogno di noi. Concludiamo con una frase che è forse un bel punto per ripartire. L’ha detta Barak Obama la notte del suo insediamento, e vi prego di non leggerla in chiave politica (siamo apolitici, crediamo solo nelle persone, non nei partiti, nei fatti e non negli ideali “propagandistici”), ma come segno, e al posto delle parole “America” o di “stati rossi e blu”, usate i termini aggregativi che volete… non importa. Non fate, per favore, commenti politici sull’America o sull’Italia o su nulla… non vogliamo parlare di politica. Vogliamo solo parlare di risposte, di fiducia, di entusiasmo, della forza che è possibile creare dall’unione di tutti, pur nelle nostre differenze… quello che vorremmo possa essere alla base del prossimo anno per tutti. Buon 2009, amici. Grazie per esserci…da parte di tutti noi di Jumper.

Luca Pianigiani

“Se c’è ancora qualcuno là fuori che dubita del fatto che l’America sia il posto dove tutto è possibile, che ancora si chiede se il sogno dei nostri Padri sia vivo oggi, che ancora si interroga sul potere della nostra democrazia, stasera ecco la risposta. (…). E’ la risposta data da giovani e vecchi, ricchi e poveri, Democratici e Repubblicani, neri, bianchi, ispanici, asiatici, nativi americani, gay, etero, disabili e non disabili. Americani, che hanno inviato al mondo il messaggio che noi non siamo mai stati solo un insieme di individui o un insieme di stati rossi e stati blu.” Barak Obama (8 novembre 2008)

16 responses

  1. La fine dell’anno sgomita. Ma le giornate da oggi tornano ad allungarsi. Il che non è male. Perché poi, deformazione, dura di più la luce buona per fotografare.
    Luca, grazie per il tuo inossidabile ottimismo. Fa bene. Mi fa bene leggerti.
    Per carità, roba di poco conto il mio parere. Ed è solo per dirti grazie.
    Quest’anno è stato di Cambronne, per il lavoro. Una Cambronne mai vista.
    Però, mi ripeto, grazie anche a te, dentro ho più fiducia. E comunque nella testa girano dei progetti. Certe volte, anche se non “vendi”, basta un niente per non sentirti alla frutta, alla fine del viaggio.
    E anche se ho fotografato pochissimo, quasi niente, un paio di foto che mi piacciono da mandarti ci sono.
    A poi, un abbraccio,
    Massimo

  2. La fine dell’anno sgomita. Ma le giornate da oggi tornano ad allungarsi. Il che non è male. Perché poi, deformazione, dura di più la luce buona per fotografare.
    Luca, grazie per il tuo inossidabile ottimismo. Fa bene. Mi fa bene leggerti.
    Per carità, roba di poco conto il mio parere. Ed è solo per dirti grazie.
    Quest’anno è stato di Cambronne, per il lavoro. Una Cambronne mai vista.
    Però, mi ripeto, grazie anche a te, dentro ho più fiducia. E comunque nella testa girano dei progetti. Certe volte, anche se non “vendi”, basta un niente per non sentirti alla frutta, alla fine del viaggio.
    E anche se ho fotografato pochissimo, quasi niente, un paio di foto che mi piacciono da mandarti ci sono.
    A poi, un abbraccio,
    Massimo

  3. Poche righe, convinto che mille parole siano bellissime ma non le leggerebbe nessuno…
    Si è stato certamente un anno di “Cambronne” , a livello locale, nazionale e (diciamola anche sta parola) globale. Ma che sia un anno malefico anche dentro di noi non lo dobbiamo permettere, non lo dobbiamo accettare.
    Crescere, studiare, visitare mostre e leggere libri.
    Studiare, in una parola evolvere e diventare migliori… essere sempre più preparati, è la sola cosa che potrà sollevarci sopra la massa di mediocrità e di “cambronne” che inonda i piani bassi, e ci ridarà anche dell’autostima.
    E a quel punto, elevando il nostro livello di persone avanzerà e si eleverà certamente anche la nostra capacità di produrre inseguendo la qualità, di trovare la novità interessante e creativa.
    Questo momento negativo deve essere sfruttato per trovare dentro nuovi stimoli, nuove nozioni, nuove emozioni, senza paure e senza rischio di fare cavolate, provare a fare qualcosa di nuovo solo per se stessi, e magari ritrovare una nuova verve….
    Sull’onda di Luca il Grande, mi permetto di citare un ex presidente USA, con la stessa preghiera di non leggere la citazione in senso politico di parte, ma sociologica ed etica si:
    J.F.Kennedy disse (dal discorso inaugurale del proprio mandato nel 1961):
    “Non chiedete cosa possa fare la patria per voi: chiedete cosa potete fare voi per la patria.”
    e credo che ricordarsi ogni tanto di questa lapidaria frase ci potrà fare solo che bene.

    A Luca e a tutti gli affezionati lettori del sunday jumper e del jumper news,
    a tutti i fotografi che sento vicini, non come dei rivali, ma come degli amici da cui imparare sempre, sempre qualcosa,
    a tutti i fortissimi guru che negli incontri sanno stupirmi con la loro fresca voglia di condividere tutte le loro conoscenze,
    A tutti quindi e anche a me stesso auguro alla fine di riuscire a sollevare la testa.
    Buona Luce a Tutti.

  4. Poche righe, convinto che mille parole siano bellissime ma non le leggerebbe nessuno…
    Si è stato certamente un anno di “Cambronne” , a livello locale, nazionale e (diciamola anche sta parola) globale. Ma che sia un anno malefico anche dentro di noi non lo dobbiamo permettere, non lo dobbiamo accettare.
    Crescere, studiare, visitare mostre e leggere libri.
    Studiare, in una parola evolvere e diventare migliori… essere sempre più preparati, è la sola cosa che potrà sollevarci sopra la massa di mediocrità e di “cambronne” che inonda i piani bassi, e ci ridarà anche dell’autostima.
    E a quel punto, elevando il nostro livello di persone avanzerà e si eleverà certamente anche la nostra capacità di produrre inseguendo la qualità, di trovare la novità interessante e creativa.
    Questo momento negativo deve essere sfruttato per trovare dentro nuovi stimoli, nuove nozioni, nuove emozioni, senza paure e senza rischio di fare cavolate, provare a fare qualcosa di nuovo solo per se stessi, e magari ritrovare una nuova verve….
    Sull’onda di Luca il Grande, mi permetto di citare un ex presidente USA, con la stessa preghiera di non leggere la citazione in senso politico di parte, ma sociologica ed etica si:
    J.F.Kennedy disse (dal discorso inaugurale del proprio mandato nel 1961):
    “Non chiedete cosa possa fare la patria per voi: chiedete cosa potete fare voi per la patria.”
    e credo che ricordarsi ogni tanto di questa lapidaria frase ci potrà fare solo che bene.

    A Luca e a tutti gli affezionati lettori del sunday jumper e del jumper news,
    a tutti i fotografi che sento vicini, non come dei rivali, ma come degli amici da cui imparare sempre, sempre qualcosa,
    a tutti i fortissimi guru che negli incontri sanno stupirmi con la loro fresca voglia di condividere tutte le loro conoscenze,
    A tutti quindi e anche a me stesso auguro alla fine di riuscire a sollevare la testa.
    Buona Luce a Tutti.

  5. Voglio augurare a tutti voi e in particolare a Luca uno splendido nuovo anno; spero che ognuno di voi riesca a fare un passo avanti verso la realizzazione del proprio desiderio.
    Ho già ringraziato Luca per l’entusiasmo che ha saputo trasmettermi proprio quando cominciavo a perdere fiducia in me stessa e a guardare “gli altri” come ostacoli anziché ricchezza.
    Cercherò una foto che parli di me, magari non sarà tecnicamente perfetta, ma spero possa raccontarmi.
    La fotografia mi sta regalando nuovi occhi, nuovi amici, nuova speranza.
    Buon Natale, Buon Anno a tutti!
    Laura

  6. Voglio augurare a tutti voi e in particolare a Luca uno splendido nuovo anno; spero che ognuno di voi riesca a fare un passo avanti verso la realizzazione del proprio desiderio.
    Ho già ringraziato Luca per l’entusiasmo che ha saputo trasmettermi proprio quando cominciavo a perdere fiducia in me stessa e a guardare “gli altri” come ostacoli anziché ricchezza.
    Cercherò una foto che parli di me, magari non sarà tecnicamente perfetta, ma spero possa raccontarmi.
    La fotografia mi sta regalando nuovi occhi, nuovi amici, nuova speranza.
    Buon Natale, Buon Anno a tutti!
    Laura

  7. Caro Luca,
    grazie per le buone e belle parole… mando a te alla grande famiglia di sunday un sincero Augurio di Buon Natale e di un Prospero e Felice Anno Nuovo.

  8. Caro Luca,
    grazie per le buone e belle parole… mando a te alla grande famiglia di sunday un sincero Augurio di Buon Natale e di un Prospero e Felice Anno Nuovo.

  9. Grazie Luca e garzie a tutto il Team di Jumper per tutto quello che avete fatto in questo 2008, la raccolta di immagini è davvero emozionante e poi la musica …
    Sarò fuori dal coro ma, io tutta sta crisi non la vedo, al contrario, vedo delle grandi opportunità.

    Buon Natale e Buon Anno a tutti.
    Roberto

  10. Grazie Luca e garzie a tutto il Team di Jumper per tutto quello che avete fatto in questo 2008, la raccolta di immagini è davvero emozionante e poi la musica …
    Sarò fuori dal coro ma, io tutta sta crisi non la vedo, al contrario, vedo delle grandi opportunità.

    Buon Natale e Buon Anno a tutti.
    Roberto

  11. Un sereno 2009 a tutti i frequentatori del Sunday Jumper,
    che aspetto sempre con impazienza e leggo con avidità.
    per dirla con Stefano Sapora:
    Buona Luce a Tutti.

  12. Un sereno 2009 a tutti i frequentatori del Sunday Jumper,
    che aspetto sempre con impazienza e leggo con avidità.
    per dirla con Stefano Sapora:
    Buona Luce a Tutti.

  13. grazie a Luca che con il Sunday Jamper tutte le settimane mi hai trasmesso tanta voglia di fare ed andare avanti ….buon anno 2009 a tutti e come dice Stefano buona luce a tutti

  14. grazie a Luca che con il Sunday Jamper tutte le settimane mi hai trasmesso tanta voglia di fare ed andare avanti ….buon anno 2009 a tutti e come dice Stefano buona luce a tutti

Comments are closed.