Qui si parla di futuro… è evidente che guardiamo oltre, a volte anche troppo. Fa parte di un approccio, che non è detto che sia sempre positivo, e che ha motivazioni spesso più profonde di quello che sembra. Non siamo però come quelli che danno per scontato che quello che è passato debba essere poco considerato: mia madre mi raccontava (lei, da giovane appassionata di archeologia…) di avere visto degli Americani a Pompei esclamare, tra il divertito e il disgustato, “Ohhh…. these old stones“. Avrebbe voluto prenderli a calci… la storia non sono “vecchie pietre”, è cultura, è la base di quello che siamo oggi. Io guardo al futuro, perché voglio aggrapparlo, voglio calpestarlo, voglio dire: io c’ero, io l’ho raggiunto, ma senza togliere valore al passato. O, almeno, ci provo.

E’ sicuro che quello che raggiungiamo oggi è frutto di esperienze passate, di vita vissuta, di errori commessi ed errori corretti. Credere che si stia inventando qualcosa di nuovo è un’illusione: tutto si trasforma, si evolve, ma tutto è già stato scritto, l’innovazione sta nel far meglio, in modo più fluido, nel consentire a tutti di godere di qualcosa che era esclusività di pochi. Se pensiamo che la ripresa digitale, ormai possibile per tutti, e disponibile per un numero ridotto di professionisti dal 1991 circa, era disponibile per scopi militari e scientifici dagli anni ’70… e se pensiamo che l’elaborazione delle immagini, che vediamo oggi come la vera innovazione, era una consuetudine dagli anni ’40 (e ancor prima), ci accorgiamo che – specialmente le nuove generazioni – si rischia di guardare sempre e solo davanti, senza capire quello che c’è stato. L’altro giorno ho trovato una notizia in rete, che mostrava l’uso dell’elaborazione in camera oscura (ovviamente non con Photoshop) su un ritratto dell’attrice Joan Crawford  realizzato dal fotografo delle dive George Hurrell. Qui vi pubblichiamo la gif animata che mostra, nel modo migliore (in sovrapposizione) il “prima e dopo”.

Nella realtà nulla di nuovo, si sa bene che questo tipo di intervento era comune, e non solo per le dive: anche le fototessere di “noialtri” all’epoca venivano ritoccate, sul negativo o sulla stampa finale, perché le nostre nonne non avrebbero tollerato una serie di “brutte verità” che oggi invece spesso tolleriamo senza preoccuparci, oppure reclamando, ma poi accettando la realtà: i nostri documenti sono i destinatari di fotografie più “reali” e quindi molto più brutte di quelle dei nostri avi.

Oggi, con Photoshop, si fa ben di più, è vero, ma il senso è lo stesso, e a volte – causa l’incompetenza e non certo i limiti del sofware – i risultati sono inferiori a quelli di un tempo: ha senso, per imparare davvero a ritoccare un viso o un corpo, rifarsi alla storia (al passato…) della fotografia, guardando libri e mostre di quei professionisti che pur non disponendo degli strumenti di oggi, facevano meraviglie. Insomma, il primo corso di Photoshop non dovrebbe essere quello che ci mostra come usare i tasti, le funzioni e le innovazioni dell’interfaccia, ma per esempio comprare un bel libro che ci potrà fare un “upgrade” ai nostri occhi, alla nostra sensibilità, alla nostra capacità di vedere, per esempio questo, citato proprio nel post che abbiamo segnalato.

Non è stata solo questa l’occasione per tornare al passato di questa settimana: una notizia che è arrivata nei corridoi, derivata a una lettera che sarebbe stata inviata da Leica ai suoi rivenditori e che annuncia la cessata disponibilità della reflex R9 e, di conseguenza, uno stop ad una delle più prestigiose gamme di fotocamere, nata nel 1964. Non ci sono dichiarazioni ufficiali, in parte si tratta di una notizia scontata, la Leica R9, a pellicola (anche se “digitalizzabile” tramite il Leica Digital -Modul-R) e con messa a fuoco manuale, forse non era più un prodotto coerente con le aspettative del mercato. E’ un segno dei tempi, ma non può che far riflettere e forse far venire gli occhi lucidi. Gli appassionati di questa azienda si consoleranno con la S2, primo esempio di fotocamere medio formato digitale con le sembianze di una reflex 35mm? Saranno disposti, all’insegna dei bei tempi, a sborsare quello che si vocifera sarà il suo prezzo (40 mila dollari)?

Questi due esempi di “storia che torna” o di “storia che se ne va” ci portano a fare delle considerazioni… che possiamo trarre più vantaggio dalla storia delle foto scattate che non dagli strumenti che scattano le foto. Non vogliamo denigrare (abbiamo detto di avere tanto rispetto, per tutto il passato) le Leica, anzi: l’unica fotocamera che ho posseduto in passato e che mi pento di avere venduto è una piccola Leica CL (l’unica che mi sono mai potuto permettere). Ma come spesso abbiamo detto in questo contesto, non trovo costruttivo il feticismo per gli oggetti, per gli strumenti: l’era dei computer ci porta a dire che dopo 18 mesi, un computer è vecchio, va cambiato, non può seguire più la nostra mente, il nostro mercato, le nostre esigenze. Le idee, le immagini, la creatività… quelle no, quelle valgono tanto, e sempre.

Con questo spirito iniziamo la settimana che ci porterà – giovedi – al primo JumperCamp, al primo evento “firmato” da Jumper, che vuole essere un modo diverso e nuovo di concepire informazione e formazione… e comunque il modo e i modi dell’incontro tra i professionisti della fotografia. Il pensiero del rispetto e del recupero del passato, unito al guardare verso il futuro (con passione e con entusiasmo) crediamo possa e debba essere una buona filosofia. Ringraziamo tutti coloro che hanno risposto al volo alla nostra chiamata, e speriamo di soddisfare le loro aspettative. Ci vediamo, giovedi con alcuni di voi, con tutti domenica prossima!

14 responses

  1. ho scritto un libro sulla importanza della Fotografia “Lo specchio della memoria / fotografia spontanea dalla Shoah a You Tube”. Lo hai letto? Ti farebbe bene: la Fotografia è fatta per il 10% dagli apparecchi per il 90% dal soggetto Auguri sinceri Ando Gilardi

  2. Ciao Luca, da qualche anno ho cominciato a ritoccare le foto tesera come si faceva anni or sono e ti assicuro che i clienti, uomini e donne, sono molto soddisfatti ed anche io…. arrivano anche da fuori provincia…. magari i colleghi potrebbero prendere esempio, vi assicuro che porta tanta gente in negozio e tanta gratificazione. Complimenti per il tuo contributo alla fotografia, magari pensa anche noi al sud ogni tanto con i tuoi eventi….. Un caro saluto, Domenico

  3. Ciao Luca, da qualche anno ho cominciato a ritoccare le foto tesera come si faceva anni or sono e ti assicuro che i clienti, uomini e donne, sono molto soddisfatti ed anche io…. arrivano anche da fuori provincia…. magari i colleghi potrebbero prendere esempio, vi assicuro che porta tanta gente in negozio e tanta gratificazione. Complimenti per il tuo contributo alla fotografia, magari pensa anche noi al sud ogni tanto con i tuoi eventi….. Un caro saluto, Domenico

  4. Grande Luca, come sempre e in bocca al lupo per il Camp. Un solo rammarico storico. Se la prima fotografia digitale di un Presidente Americano rimmarrà legata a Barack Obama, l’ultima con la pellicola rimarrà legata a quell’altro.

  5. Impossibile non ricordare la foto ritoccata del re riportata da Mulas nelle “verifiche”…

  6. Impossibile non ricordare la foto ritoccata del re riportata da Mulas nelle “verifiche”…

  7. Grande Roberto il tuo commento sull’ultima foto in pellicola legata a “quell’altro” mi ha fatto ridere, anche se purtroppo è vero perchè “quell’altro” non si merita nemmeno una foto con le usa e getta.
    Ciao Luca ci vediamo giovedì, fate un bel lavoro xchè vengo da Firenze e mi tocca fare una levataccia, quindi fate si che non me ne penta….

  8. Grande Roberto il tuo commento sull’ultima foto in pellicola legata a “quell’altro” mi ha fatto ridere, anche se purtroppo è vero perchè “quell’altro” non si merita nemmeno una foto con le usa e getta.
    Ciao Luca ci vediamo giovedì, fate un bel lavoro xchè vengo da Firenze e mi tocca fare una levataccia, quindi fate si che non me ne penta….

  9. Ma se la storia non la si fa con gli apparecchi e non si trova nemmeno costruttivo il feticismo ma perchè si continua a parlare di apparecchi? non si può parlare di altro? Sembra un dato comune che in questo paese se si vuole affermare che piaccione le bionde, si parla prima male delle brune e poi forse bene delle bionde. Forse.
    marco

    Ando Gilardi… non ho letto il suo ultimo libro, ma complimenti per tutti gli altri.

  10. Ma se la storia non la si fa con gli apparecchi e non si trova nemmeno costruttivo il feticismo ma perchè si continua a parlare di apparecchi? non si può parlare di altro? Sembra un dato comune che in questo paese se si vuole affermare che piaccione le bionde, si parla prima male delle brune e poi forse bene delle bionde. Forse.
    marco

    Ando Gilardi… non ho letto il suo ultimo libro, ma complimenti per tutti gli altri.

  11. Sarò controcorrente, ma se accetto il fotoritocco ai fini della Comuniazione e della Pubblicità, mi viene molto difficile digerirlo per le immagini che vanno su documenti di identità. Secondo me dovrebbe essere assolutamente vietato, che identità viene documentata in quel modo?
    Se poi uno vuole il proprio ritratto, da appendere in salotto o da tramandare ai posteri, può farsi ritoccare e camuffarsi come vuole, ma, per favore, se tarocchiamo perfino le nostre identità, allora viviamo in mondo che di reale non ha più niente!
    Già non ci si può più fidare della pubblicità della camera vista mare…

  12. Sarò controcorrente, ma se accetto il fotoritocco ai fini della Comuniazione e della Pubblicità, mi viene molto difficile digerirlo per le immagini che vanno su documenti di identità. Secondo me dovrebbe essere assolutamente vietato, che identità viene documentata in quel modo?
    Se poi uno vuole il proprio ritratto, da appendere in salotto o da tramandare ai posteri, può farsi ritoccare e camuffarsi come vuole, ma, per favore, se tarocchiamo perfino le nostre identità, allora viviamo in mondo che di reale non ha più niente!
    Già non ci si può più fidare della pubblicità della camera vista mare…

  13. oddio Beppe (scusa ti do del tu), nel medioevo usavano le maschere, ma anche molto prima e non solo dalle nostre parti. L’identità é costantemente in gioco, poi c’è chi gioca di più o di meno. E la fotografia non fa che parte di questo gioco.
    Basta prendere la storia del ritratto o guardare le fotografie di famiglia…quello che vedi corrisponde all’identità delle persone con cui hai vissuto? Il gioco che la fotografia fa sull’identità può essere verso il suo ampliamento o verso la sua costrizione, e dipende da quanto le persone ritratte vogliono, possono, devono essere qualcosa. Ma tu ti riconosci nella fotografia che hai sulla patente?
    marco

  14. oddio Beppe (scusa ti do del tu), nel medioevo usavano le maschere, ma anche molto prima e non solo dalle nostre parti. L’identità é costantemente in gioco, poi c’è chi gioca di più o di meno. E la fotografia non fa che parte di questo gioco.
    Basta prendere la storia del ritratto o guardare le fotografie di famiglia…quello che vedi corrisponde all’identità delle persone con cui hai vissuto? Il gioco che la fotografia fa sull’identità può essere verso il suo ampliamento o verso la sua costrizione, e dipende da quanto le persone ritratte vogliono, possono, devono essere qualcosa. Ma tu ti riconosci nella fotografia che hai sulla patente?
    marco

Comments are closed.