In queste settimane siamo in giro come delle “trottole” per l’Italia: sono tanti gli appuntamenti che ci hanno coinvolto, per parlare di innovazione, di nuove idee, di strade per poter guadagnare e ottimizzare il business. Significa vedere, ogni settimana, centinaia di fotografi, molto diversi tra di loro, ma anche molto simili. Sono 30 anni che lavoro a stretto contatto con questo mondo, e posso dire con orgoglio di conoscerne davvero tantissimi, migliaia.

Crediamo che il nostro ruolo debba tenere conto di una responsabilità: quella di rispondere ad un’esigenza di una visione del prossimo futuro (quindi esigenze latenti, non ancora materializzate), ma anche quello di annusare e comprendere lo stato attuale, le esigenze, le abitudini, le tecnologie adottate. Gli incontri, come quelli di questo periodo, aiutano di sicuro a sincronizzare impressioni e fatti, ma serve qualcosa di più: lo avevamo sentito, come esigenza, qualche anno fa quando abbiamo fatto il primo censimento di Jumper, e ora siamo di nuovo a riproporlo, ampliato e ancora più utile. Abbiamo approfondito molti punti, curiosità che saranno utili per tutti per fare un confronto rispetto alla propria realtà, un modo per unire tutti i professionisti italiani, o almeno quelli (tanti, tantissimi: la nostra mailing list ha superato i 6200 utenti registrati in modo spontaneo) che ci seguono. Cosa vogliamo dire? Che la tipologia dei nostri lettori non rispecchia “fedelmente” l’universo dei fotografi professionisti, ma solo quelli che non sono rimasti indietro, che usano – anche solo saltuariamente – connessioni internet e computer (o altri strumenti digitali). Sappiamo che c’è ancora una categoria (sembra impossibile) che è ancora fuori da questa realtà, e non abbiamo modo di raggiungerli… un po’ per impotenza nostra ma molto anche perché non avremmo nulla da condividere con loro, purtroppo. Stiamo correndo verso il futuro, dobbiamo indicare la strada per coloro che si sono mossi e che stanno anche loro correndo… non possiamo fermarci per attendere chi ha atteso troppo, il digital divide non è vissuto solo nei Paesi poveri, ma anche qui, dietro l’angolo.

Per fare in modo che questo questionario possa essere davvero importante e significativo, abbiamo bisogno del vostro aiuto concreto, immediato. Dedicate cinque minuti al questionario che potete trovare qui, e inviatelo, il frutto di questa analisi sarà divulgata nel mese di dicembre all’interno di uno speciale evento che stiamo organizzando per raccogliere attorno a noi tutti i fotografi italiani, un super JumperDay che, ancora una volta, vorrà rinnovare fiducia, stima, amicizia e voglia di lavorare insieme al costruire una professionalità migliore e delle aspettative più concrete per il nostro futuro economico e creativo. E, potete stare tranquilli, si tratta di un questionario assolutamente ANONIMO, quindi potete essere sinceri e tranquilli!

C’è qualcosa in più: questo censimento non permetterà solo a noi (fotografi) di conoscerci meglio, ma creerà una forza collettiva di categoria, che potrà proporsi non solo come singoli utenti, ma come un gruppo coeso, che ha delle esigenze, che cerca risposte, che propone soluzioni per il futuro. Abbiamo bisogno di far sentire la nostra voce, dobbiamo dire al mondo che ci siamo, che siamo forti, che vogliamo esserlo ancora di più, che non siamo persi e isolati, che non abbiamo nessuna intenzione di tirarci indietro, di smettere di credere in questa professione, in questo mondo, in questo modo di raccontare, descrivere e far sognare. Se possiamo raccogliere le sensazioni in real time e da “dentro” possiamo, tutti insieme, essere più forti: il 2012 non sarà l’anno della fine di tutto, ma del nuovo inizio, e della percezione della nostra forza. Non aspettate un solo secondo, compilate il questionario, anche il tempo di reazione sarà importante per capire quanto siamo una forza comune e quanto vogliamo andare verso un futuro luminoso!

49 responses

  1. Fatto!
    Grazie per questa possibilità, Luca. E’ ora che ci conosciamo un po’ a vicenda, anche se, vedo, non è presente una domanda sulla città e regione di appartenenza. Vero è che siamo nell’era della globalizzazione ma molto, troppo spesso nella nostra professione, la posizione geografica cambia tanto le possibilità di carriera e di contatti con potenziali clienti.
    Proporrai di fondare un’altra associazione di categoria? :)

    Buon lavoro e…keep up the good work!

    1. Vero, la posizione geografica è ancora un elemento di distinzione, ma spesso anche parzialmente una scusante. Hai capito bene, siamo per la globalizzazione delle strategie, o meglio: crediamo che le cose che funzionano debbano funzionare ovunque, quindi non abbiamo inserito la voce della regione nel questionario.

      No, nessuna intenzione di fare un’associazione, ma quella di capire il mercato, anticiparlo se possibile e conoscere a fondo le sue esigenze. :-))

  2. Perchè tu e Roberto non siete venuti a farvi una passeggiata a Caserta?
    Troppo al sud?
    Un saluto Eugenio

    1. Ciao Eugenio, purtroppo la scaletta delle date è stata fornita troppo tardi e avevo degli altri appuntamenti prenotati. Il problema non si riassume in nord e sud, ma semplicemente in programmazione delle date (salterò anche date molto al Nord e anche “comode” come Torino, per esempio). Sarei venuto molto volentieri, te lo assicuro.

      1. anche io ero al “sud” a Caserta e quando Lorenzo Colloreto, che ci ha illustrato le potenzialità di mercato per le pubblicazioni sui tablet, ha chiesto in sala se qualcuno conosceva Jumper Magazine (per usarlo come fiorente esempio ), si sono alzate 3-4 manine su più di cento partecipanti(tutti fotografi!!!???). Sai Luca anche io ti aspettavo a Caserta e sarebbe stata una buona occasione per far aumentare quelle manine.comunque ti voglio dire che apprezzo molto il tuo lavoro e che anche se poche quelle mani sono tutto merito tuo. Speriamo sempre in meglio per il futuro.

  3. compilato!!!
    se il 2012 sarà migliore,peggio di così vado a vendere le caldarroste (come se fosse facile)

  4. Caro Luca,
    nel questionario non si fa alcun riferimento ai formati e forse questo potrebbe essere fuorviante per la successiva elaborazione delle risposte. Per es. se devo rispondere alla domanda “quanti corpi macchina professionali possiedi?” la domanda si riferisce al formato 35 mm o include anche il medio e il grande formato?
    Nel primo caso risponderei 2; nel secondo caso 8; la differenza è notevole. Lo stesso discorso vale pure per le ottiche.
    A poposito dei tablet forse sarebbe stato utile introdurre la domanda “Hai intenzione di acquistarne uno entro (per es.) 6 mesi?
    Comunque, va bene lo stesso.
    E.

    1. Ciao Ezio. Il formato ormai ha poco senso da definire… Parlo di fotocamere che si usano sul serio, non quelle che si hanno in cassaforte. Se ne usi comunemente 8, scrivilo pure… sarai probabilmente l’unico ma proprio per questo è utile un questionario come questo.

      Per quello che riguarda l’acquisto di un Tablet, in questo settore “a breve” significa 3 mesi, altrimenti è un acquisto non previsto… in 6 mesi cambia il mondo ;-) Grazie comunque per i tuoi commenti!

  5. Scusa Luca ma non riesco a compilare col mio ipad il questionario perche’ quando si deve scrivere con la tastiera touch la finestra va su e giu e per esempio il campo degli anni rimane bloccato . Mi puoi far sapere se solo io ho questo problema e come posso risolverlo?Max.

    1. Abbiamo fatto verifiche anche noi su iPad e funziona… il tuo commento successivo lo conferma: meglio così!!

  6. Ciao Luca,
    Nella sezione CHE TIPOLOGIA DI FOTOGRAFO SEI sarebbe stato opportuno, a mio avviso, inserire una ulteriore casella OTHER, in modo da poter specificare altre tipologie di lavoro (come nel mio caso) che non sono previste nella lista; purtroppo essendo una risposta obbligatoria, devo spuntare qualcosa che non ha niente a che vedere con la vera tipologia del mio lavoro, questo pero’ alla fine potrebbe fuorviare un pochino il risultato.
    A parte questo piccolo dettaglio, trovo pregevole l’iniziativa di conoscerci meglio e possibilmente creare piu’ affiatamento!
    Grazie e Buon Lavoro,
    Luca.

  7. Fatto!!
    Anche se un pó mi sta stretto perchè l’evoluzione del mercato, almeno il mio, fà si che che definirmi fotografa sia un pò riduttivo, tant’è che, per dirne una, gli investimenti in attrezzature fotografiche rispetto al passato sono calati molto, è il primo anno dopo circa 13/14 anni che non ho un dorso digitale, e ti diró! Non ne sento la mancanza.

    Personalmente penso che l’evoluzione dei fotografi stia avendo velocità diverse, chi come me si occupa da anni unicamente di fotografia commerciale sta vivendo ormai da tempo profonde trasformazioni. La mia sensazione parlando con molti colleghi è che i fotografi non sociali stiano vivendo con maggior durezza la crisi perchè non è legata alle crisi globali ( o non solo) ma piuttosto alla profonda trasformazione del mercato. Alcuni lo hanno capito e si sono e si stanno trasformando in direzioni tra l’altro differenti, altri che sono rimasti più fermi stanno prendendo delle sonore pagate, il mercato tradizionale si è eroso scomparendo in alcuni settori e/o aree geografiche.
    L’impressione confrontandomi con realtà molto diverse è che ci sono profonde differenze su come ognuno di noi sta affrontando, cavalcando o subendo tutto questo.
    Sarebbe credo molto interessante avere una rilevazione statistica specifica su questo settore.

    Penso anche che quello che sta accadendo oggi ai fotografi commerciali accadrà, anche se in forme diverse, anche per i fotografi sociali, quindi sarebbe utile per tutti comprendere cosa ta accadendo!
    Saluti e sempre grazie!!!

  8. Interessante il censimento. Fatto!
    Avrei aggiunto, essendo un questionario totalmente anonimo:
    Come lavori?
    1. partita I.V.A.
    2. ritenuta acconto
    3. nero
    4. sottopagato
    5. gratis

    Così, giusto per… :-)

  9. Scusate, dimenticavo, non è solo per professionisti, dunque:

    Fotografi come?
    1. con partita I.V.A.
    2. con ritenuta d’acconto
    3. in nero
    4. sottopagato
    5. gratuitamente
    6. per hobby
    7. altro

  10. Fatto anche io, sono l’ultimo d’Italia a rispondere??? ;-)
    Cmq interessante, aspettiamo i risultati…

  11. Fatto. Anche io avrei lasciato un campo libero x descrivere meglio il nostro ambito lavorativo, è una professione che sta cambiando e forse avremmo avuto qualche interessante e inaspettata informazione. Comunque l’iniziativa mi piace, vedremo i risultati. Un saluto a tutti.

  12. Fatto ora, in ritardo come al solito. Comunque anch’io metterei un campo in più per la descrizione più precisa del nostro lavoro .. E come dice Andrea Magistroni … capire meglio come lo si fa. Comunque sei un grande, bella iniziativa. Aspettiamo il risultato. Sei l’unico faro in questo mare in tempesta continua … continua in tutti i sensi così! Buon lavoro e buon tour … Mi dispiace non poter venire a firenze!

  13. ATTENZIONE!! Urgente!!! Rettifica censimento…….. ADESSO CE L’HO!!!!…………. l’iPAD naturalmente! ……… Sai Luca avevano ragione: Babbo Natale ESISTEEEEEE!!!!! 32GB con WiFi + 3G ed indovina qual’è stata la prima app che ho acquistato (che costa per ora solo 79cent?). Si esatto!!! adesso vi leggo meglio e interagisco! iPad by Happy!!

Comments are closed.