Lunedi prossimo ci sarà un JumperCamp importante, dedicato alla modellazione 3D. Quanto ci fa inorridire il 3D? Tanto, lo sappiamo: non c’è nulla di “umano”, o così sembra… ci sta rubando del lavoro (maledizione… come se ne avessimo tanto!) e per di più non si può fare nemmeno “click”… ci hanno tolto anche questo! E’ facile girare pagina, e dire che non ci interessa, che noi guardiamo da un’altra parte. Che noi fotografiamo quello che esiste… e non quello che non c’è.
  • Dicevate – in molti – lo stesso su Photoshop, anni fa, quando ne parlavamo per primi: come è andata a finire?
  • Dicevate – quasi tutti –  lo stesso sulla ripresa digitale, e ora… come si fa a farne a meno (ricerca e divertimento escluso)?
  • Dicevate, di recente, lo stesso sul video con le reflex. E ora.. sono tantissimi i fotografi che hanno trovato una nuova primavera grazie a questa tecnica.
Il 3D non lo digerite, però: vero? Guardate le immagini, che pubblichiamo nel video (che sono state elaborate da Livio Ansaldi di Balabò, una dei principali studi di elaborazione di immagini digitali per la pubblicità in Italia, che terrà, insieme a Luca Pianigiani di Jumper.it questo Camp, dedicato ai fotografi professionisti): sono o non solo quello che abbiamo attorno? quello che il mercato di alto livello ci chiede? Quello che – se ci occupiamo di pubblicità e di comunicazione – abbiamo sempre voluto realizzare e per molti anche il “pane quotidiano”? Tutte queste immagini hanno fatto uso – parziale o quasi totale – di 3D. Perché e in che modo? I motivi sono tanti, ma essenzialmente, alla base di tutto, c’è un’esigenza del mondo della pubblicità: perfezione, totale controllo e contenimento dei tempi (anche dei soldi, ma al primo posto c’è il tempo). Ma c’è qualcosa che non potete percepire, oltre al fastidio di questa “invasione di campo” di un “corpo estraneo”: le immagini hanno un gusto, una resa, un feeling fotografico. Certo, non è il feeling della fotografia di reportage, ma è quella della foto patinata della pubblicità, figlia di Photoshop e dell’elaborazione: quella che si vende e quella che fa vendere.
Questo Camp non parla di “3D”, di disegno, di linguaggio distante da noi. Parliamo di fotografia, che fa uso (per strategia, per opportunità, per imposizione del cliente) di 3D. Lo facciamo con una persona che è un maestro NON del 3D (che comunque conosce profondamente), ma di fotografia, di immagine, di elaborazione. La sua forza non solo “le linee e i modelli 3D”, ma è una delle persone che più capisce di illuminazione e di fotografia, pur non essendo fotografo. Una volta ha fatto per noi un corso di 3 ore parlando di “ombre”… ed è stato incredibile: una persona che fa capire ad un pubblico di fotografi professionisti come ottenere, creare e “vedere” delle ombre da ricreare con Photoshop o è un pazzo, oppure è uno che davvero ci capisce di quello che è il vostro/nostro mestiere.
Sarà un’esperienza unica, crediamo che mai si farà un incontro in Italia con questo feeling: 3D, si… ma parlando di linguaggio visivo, di fotografia, di presente di un mercato che è cambiato e che possiamo solo comprendere. NON vi diciamo che diventerete “modellatori 3D”, non sarà un corso per “USARE” i software 3D: sarà un corso per imparare a GUARDARE e a CAPIRE. Non è detto che da domani la userete, ma non potete non comprenderla, non potete guardarla DA LONTANO senza capire cosa si può fare, come integrare la propria esperienza fotografica in produzioni 3D (lo sapete che in Germania e in Inghilterra i fotografi collaborano SERIAMENTE con chi fa 3d?), e anche come PROPORRE ALTERNATIVE.
Vedete voi. lunedi è tra pochi giorni, se non ci sarete avrete perso un’opportunità unica. Se credete che negli anni abbiamo parlato di argomenti che sembravano lontani e che oggi sono la realtà sulla quale si basa il nostro fatturato… allora dateci credito, e partecipate numerosi.

Abitate lontano, ma volete approfittare della formazione per i fotografi professionisti di Jumper? Iscriviti a JumperPremium, se abiti a più di 3oo Km da Milano c’è uno sconto eccezionale. Ma solo per pochi giorni

2 responses

  1. Non riuscite a fare un camp in Veneto ?

    Pensi che nel mio lavoro di foto di food in particolare gelati, posso avere un buon risultato con il 3d ?

    Ciao

    Roberto

  2. Non riuscite a fare un camp in Veneto ?

    Pensi che nel mio lavoro di foto di food in particolare gelati, posso avere un buon risultato con il 3d ?

    Ciao

    Roberto

Comments are closed.